Benvenuto su Spray Antiaggressione!
€ 4,90 costo fisso di trasporto
Consegna gratuita per ordini a partire da € 79,90
Richiedi aiuto Hai bisogno di aiuto?
x
Scegli come possiamo aiutarti
telefono

Al telefono

Contattaci telefonicamente al numero 080 885 33 00 e un nostro operatore ti aiuterà nei tuoi acquisti o ti fornirà le informazioni di cui necessiti.
email

Via email

Inviaci una email all'indirizzo info@sprayantiaggressione.it. Un nostro operatore ti risponderà alle tue richieste nel più breve tempo possibile.
whatsapp

Su WhatsApp

Scrivici sulla chat di WhatsApp al numero 371 316 36 91 e un nostro operatore sarà in livechat con te per fornirti tutte le informazioni di cui necessiti.
Cerca
Filtri
RSS

Blog

Blog Spray antiaggressione
Deteneva spray peperoncino illegale, uomo finisce in carcere

Molto spesso ci siamo soffermati sull’importanza della legalità di uno spray al peperoncino, sottolineando quelle che potrebbero essere le conseguenze giuridiche, oltre a quelle legate alla salute pubblica. La sicurezza personale è un diritto da difendere strenuamente purché lo si eserciti nei limiti e con strumenti consentiti dalla legge. Ancora oggi sono in molti a credere il contrario, non considerando affatto il rischio di passare dalla parte dell’illegalità, così come è ancora molto diffusa la credenza secondo cui detenere una bomboletta al peperoncino non conforme alla legge, fatta in maniera autonoma con ingredienti nocivi e dannosi o la cui provenienza è del tutto trasparente, rientri nella normale ordinarietà.

E convinto di questo lo era senz’altro un giovane uomo di 26 anni di origine rumena che, nel corso di un semplice controllo stradale in quel di San Giacomo delle Segnate (Mantova) avvenuto il giorno 20 giugno 2014, veniva fermato dalle forze dell’ordine non per aver superato il limite di velocità o per aver commesso una qualsiasi infrazione del codice stradale, bensì per essere stato trovato in possesso di una bomboletta contenente agenti chimici urticanti, altamente dannosi per la salute.

Arresto per spray al peperoncino illegale

A riportare la notizia la versione online della Gazzetta di Mantova, che fa sapere come l’accusa di detenzione illegale di armi, avanzata dal Pm del Tribunale di Mantova, abbia trovato conferma due anni dopo. Lo scorso 6 luglio, infatti, il giudice Stefano Aresu ha condannato l’uomo a una pena di 2 anni di reclusione e 6 mila euro di ammenda, respingendo la teoria dei legali dell’imputato, secondo la quale la detenzione della bomboletta era giustificata solo per motivi di difesa personale.

Episodi come questo, oltre a riscuotere un concreto interesse mediatico, fanno da corollario a quanto più volte affermato precedentemente, e cioè che l’esigenza di difendersi da attacchi alla propria persona deve essere certamente soddisfatta, ma con strumenti idonei e appropriati. Sprayantiaggressione.it non si stancherà mai di rimarcare questo aspetto, ecco perché propone solo spray di difesa personale conformi a quanto disposto dalle normative in materia di autodifesa. Perché la difesa della persona passa sempre attraverso la legalità e il rispetto delle norme.

 

Alessandro Farucci

Commenti (0)
Euro 2016, polizia francese usa spray al peperoncino contro hooligans

Le cronache degli ultimi giorni provenienti dalla Francia non sono certo rassicuranti per quanto concerne l’ordine pubblico. Non solo le tensioni sociali scaturite dalla protesta contro la nuova legge sul lavoro che ha registrato drammatici episodi di violenza, ma anche il campionato europeo di calcio è alle prese con problematiche difficilmente preventivabili alla vigilia. Il riferimento è ovviamente ai continui scontri tra tifoserie violente le quali, oltre ad innalzare il livello di allerta di sicurezza, stanno letteralmente rovinando quella che dovrebbe essere una festa sportiva e culturale. Una situazione a tratti insostenibile e non semplice da gestire, tant’è che le forze dell’ordine hanno più volte fatto ricorso a uno strumento differente da quelli convenzionalmente impiegati ma comunque efficace: lo spray legale al peperoncino.

È successo a Marsiglia dove lo scorso 11 giugno è andata in scena una vera e propria guerriglia urbana sul Porto Vecchio tra hooligans inglesi e russi, autori di una totale devastazione che ha portato a ben 35 feriti (di cui uno molto grave) e a un ingentissimo danno economico. Il fatto si è poi ripetuto qualche giorno dopo nella tranquilla e ridente città di Lille, nel nord della Francia, dove il tifo violento dei due Paesi si era dato nuovamente appuntamento per dare prosecuzione allo scempio iniziato a Marsiglia. Il bilancio in questo caso è stato di 16 feriti e 36 arresti, meno pesante rispetto a quello precedente ma comunque di grave entità.

Uso della polizia francese di spray peperoncino Euro 2016

In entrambi i nefasti fatti di cronaca la polizia francese, tempestivamente intervenuta sui luoghi dei misfatti, ha reso possibile la fuga dei facinorosi e la cattura di alcuni di essi, indubbiamente per merito della sua preparazione e competenza, ma anche grazie all’ausilio delle bombolette a base di oleoresin capsicum il cui impiego, aggiunto a quello dei lacrimogeni, ha evitato bilanci ancora più drammatici.

Quanto raccontato dimostra chiaramente non solo la funzionalità e l’efficienza di uno spray urticante al peperoncino, ma soprattutto come questo strumento sia ormai definitivamente entrato a far parte dell’equipaggiamento in dotazione alle più autorevoli forze di polizia europee, che nella maggior parte dei casi preferiscono ricorrervi per dirimere questioni di ordine pubblico anche molto gravi, nonché per tutelare la propria integrità fisica durante le ore lavorative senza ricorrere all’utilizzo delle armi da fuoco.

 

Alessandro Farucci

Commenti (0)
Spray al peperoncino e formazione: ecco come imparare ad usarli

Nella società contemporanea l’attenzione nei confronti della sicurezza ha raggiunto ormai livelli così elevati da assumere una centralità nelle questioni di tutti di tutti i giorni. Sono sempre più numerosi, infatti, i cittadini che dichiarano di non sentirsi più sicuri nelle città e che decidono pertanto di dedicarsi all’autodifesa, frequentando corsi ad hoc finalizzati a impararne tecniche e metodologie. In tutto questo, gli spray antiaggressione hanno indubbiamente contributo a rendere le vita meno complicata rispetto al passato, perché rappresentano in maniera inequivocabile un valido ed efficace strumento di autotutela per tutti, senza incorrere nel rischio dell’illegalità.

Tuttavia, nonostante la loro praticità, questi prodotti richiedono un corretto utilizzo per scongiurare situazioni di pericolosità nelle quali ci si potrebbe rimanere facilmente coinvolti. Il problema, purtroppo, è che non tutti hanno dimestichezza nell’impiego di questi articoli, pur avendone la necessità di averli sempre a disposizione. Pensiamo ad esempio ai soggetti più vulnerabili come donne e persone anziane, che nella maggior parte dei casi rappresentano un bersaglio facile da colpire per i malintenzionati. Per questo in Italia e non solo, oltre ai tradizionali corsi di autodifesa, si registra un aumento consistente dei corsi specializzati nell’insegnamento di un uso corretto degli spray a base di O.C., durante i quali è possibile apprendere le tecniche giuste per neutralizzare l’aggressore.

Corsi di formazione per uso spray al peperoncino

Esistono, infatti, associazioni riconosciute che organizzano questo tipo di formazione rappresentate da istruttori qualificati in possesso del relativo tesserino tecnico, ma anche da esponenti delle forze dell’ordine, i quali mettono la loro competenza e preparazione al servizio dei comuni cittadini. Un esempio concreto è l’associazione Krav Maga Ugl Polizia di Stato nella provincia di Crotone, dalla quale partono spesso iniziative legate all’insegnamento dell’autodifesa e della legalità.

È utile sottolineare, inoltre, la completezza di questi corsi formativi, in quanto non si basano esclusivamente sull’apprendimento delle tecniche di utilizzo degli spray peperoncino e sulle caratteristiche naturali dell’Oleoresin Capsicum, ma consentono anche di conoscere il loro contesto giuridico di riferimento, ovvero i criteri legislativi che lo rendono legale e le casistiche nelle quali è possibile ricorrere al suo impiego.

In definitiva, rimanere aggiornati su questa tipologia di corsi può essere un consiglio utile per chi acquista uno spray per la difesa personale, in modo da scoprire quali sono i formatori e le città che ospiteranno i prossimi eventi legati a questo importante progetto. 

Commenti (0)
Sicurezza, alla Polizia presto in dotazione lo spray legale al peperoncino

E nel giro di tre anni anche ai Carabinieri e Guardia di finanza

Il mestiere di chi quotidianamente è chiamato a garantire la sicurezza dei cittadini e l’ordine pubblico è sempre estremamente pericoloso e pieno di insidie, soprattutto negli ultimi tempi. Chi fa parte delle forze dell’ordine lo sa bene quanto sia complicato riuscire a svolgerlo in maniera adeguata, vuoi perché costretti ad operare in una società inestricabile ed imprevedibile, vuoi per l’insufficienza dei mezzi necessari ad eseguire bene il proprio operato.

E molto spesso, chi fa questo lavoro si trova costretto a dover difendere la propria integrità fisica non potendo ricorrere facilmente all’arma in dotazione, se non in casi estremi e comunque previsti dalla legge. Ecco che allora la Polizia italiana ha pensato a una soluzione alternativa per potersi difendere senza correre rischi dalle conseguenze penali: lo spray al peperoncino.

Il sindacato di Polizia SILP-CGIL fa sapere che tutti i poliziotti saranno dotati di spray entro la fine del 2016 e per il prossimo triennio, notizia riportata anche dalla nota agenzia di stampa Adnkonos. Dopo il periodo di sperimentazione, il quale ha fornito esiti piuttosto incoraggianti, il Ministero dell’Interno ha avviato la procedura per la fornitura del prodotto, che avverrà comunque successivamente a una fase di collaudo da parte degli uffici competenti. Un avvicendamento che non ha precedenti e che presto interesserà anche Carabinieri e Guardia di Finanza.

Dotazione di spray peperoncino alla polizia italiana

L’utilizzo degli spray da parte dei poliziotti, pur consentito in situazioni eccezionali, rappresenta tuttavia un valido sostegno per l’intera categoria, in grado di garantire quel minimo di sicurezza in più che questo lavoro richiede. Ma se i vertici delle forze dell’ordine scoprono solo ora l’utilità di un siffatto strumento di autodifesa per migliorare il servizio di ordine pubblico, lo sanno già da tempo i cittadini comuni, i quali potranno continuare a ricorrere all’efficacia degli spray urticanti al peperoncino per la difesa personale, ricordandosi di fare affidamento a prodotti assolutamente legali e conformi alla legge vigente.

 

Alessandro Farucci

 

Commenti (0)
Penna spray al peperoncino Defence System: la sicurezza a portata di tutti

Difendersi dagli attacchi alla propria persona da oggi diventa ancora più semplice grazie alle innovative proposte presenti all’interno di questo negozio online. Sprayantiaggressione.it, infatti, cerca quotidianamente di rendere agevole la sicurezza personale, proponendo prodotti in grado di soddisfare qualsiasi esigenza e alla portata di tutti. Per questo motivo è lieto di presentare un nuovo articolo che va ad arricchire ulteriormente la sua vasta gamma di spray: la penna spray al peperoncino Defence System, ovvero la sicurezza a portata di mano.

Supponiamo che vi troviate in una situazione in cui la propria incolumità viene messa seriamente a repentaglio da alcuni malintenzionati, riuscireste mai a immaginare che una semplice penna riposta in un taschino della giacca o del cappotto possa scongiurare una simile minaccia? No? Bene, da oggi è possibile! La penna spray Defence System, infatti, appare come una normale penna, ma in realtà è un efficacissimo strumento di autodifesa.

Penna spray al peperoncino facile da usare

Un prodotto a base naturale, ottenuto dalla distillazione del peperoncino rosso, facilmente trasportabile ed estremamente sorprendente, non solo per le sue dimensioni compatte, ma anche perché insospettabile. Uno spray a getto conico nebulizzato affidabile, capace di garantire una gittata di 2 metri, sufficiente a debilitare i malviventi e a favorire i soccorsi per chi subisce le aggressioni. Ma la penna spray Defence System è soprattutto lo spray urticante al peperoncino 100% sicuro, non solo in quanto conforme al D.M. 103/2011 e quindi privo di sostanze infiammabili, corrosive, tossiche e cancerogene, ma anche perché dotato di sistema di sicurezza contro l’attivazione accidentale: per un corretto funzionamento, infatti, è necessario rimuovere il coperchio della penna e spruzzare esclusivamente in posizione verticale.

Insomma, la penna spray Defence System è davvero uno strumento per la difesa personale intelligente ed efficace, da portare sempre con sé in ogni momento della giornata, e facilmente utilizzabile. Per saperne di più basta visitare la pagina del prodotto su Sprayantiaggressione.it, all’interno del quale è possibile scoprire tanti altri articoli pensati per la sicurezza propria e di quella degli altri. 

Commenti (0)
Spray legale al peperoncino: un prodotto sempre più utile e trasversale

Quanto sia importante la sicurezza nella società civile lo sappiamo molto bene, soprattutto alla luce di ciò che accade quotidianamente nelle nostre città. Sono sempre più numerose, infatti, le vicende di cronaca che raccontano di furti e violenze subite anche all’interno delle proprie abitazioni, con conseguenze talvolta drammatiche. Cresce l’esigenza di autotutela da parte dei cittadini in misura quasi proporzionale alla vendita di strumenti atti alla difesa personale. La richiesta in aumento di spray legali al peperoncino non solo in Italia, sta a dimostrare proprio questo aspetto rilevante. Ma siccome l’attività del cronista annovera anche fatti dal finale meno drammatico, è giusto anche evidenziarne alcuni in cui una semplice bomboletta dal contenuto di capsaicina sia stata determinante per scrivere epiloghi diversi. 

Un esempio concreto ce lo fornisce il portale d’informazione Quotidianopiemontese.it. Lo scorso 8 febbraio, a Torino, sulla linea 4 del  tram della società GGT, tre giovani hanno aggredito un controllore solo per aver ricordato loro di obliterare il biglietto prima che i bigliettai se ne accorgessero. Ebbene, dopo il rituale degli insulti, i tre sono passati direttamente alle mani, e solo l’intervento di una donna presente sul mezzo ha scongiurato guai seri, proprio grazie allo spray di cui era dotata.

Spray al peperoncino in dotazione alle forze dell'ordine

Facendo un salto indietro nel tempo di quattro anni, un’altra vicenda, riportata dal quotidiano online Foggiatoday.it.  Ad essere protagoniste questa volta due vigilesse della città di Foggia che, il giorno 11 aprile 2012, tentarono di sedare una rissa tra donne in Piazzale Vittorio Veneto. Nell’intento di riportare la calma, una delle due agenti ebbe la peggio, malmenata e aggredita da una donna, probabilmente dell’est, coinvolta nel tafferuglio. L’intervento tempestivo della sua collega impedì alla situazione di precipitare, sempre grazie allo spray urticante al peperoncino usato nei confronti della donna, in seguito denunciata per oltraggio a pubblico ufficiale.

Le due vicende di cronaca menzionate sottolineano ancora una volta l’utilità di uno spray per la difesa personale, non solo per i comuni cittadini, che spesse volte si trovano costretti a provvedere da soli a difendere la propria incolumità, ma anche per le forze dell’ordine, le quali oggi più che mai ricorrono a questo prodotto per svolgere il proprio lavoro, nonostante l’arma di ordinanza in dotazione.

 

Alessandro Farucci

 

Commenti (0)
Germania, è boom di vendite degli spray al peperoncino legali

I recenti sviluppi legati al fenomeno dell’immigrazione in Europa, fanno sì che il tema della sicurezza assumesse una centralità considerevole nei piani e nei programmi dei governi. La messa in discussione dello stesso Trattato di Schengen, uno dei pilastri della democrazia e della libertà europea, la dice lunga su quelle che sono le perplessità e le preoccupazioni dei Paesi Ue. Indipendentemente dalle decisioni politiche che verranno adottate, c’è da sottolineare la costante preoccupazione dei cittadini, che avvertono sempre più la necessità di tutelare la propria persona e, soprattutto, l’inadeguatezza dei meccanismi di sicurezza messi in atto dalle autorità.

Ne sa qualcosa la Germania dove, all’indomani dei fatti accaduti a Colonia nella notte di San Silvestro con le molestie sessuali subite da oltre 500 donne (stando alle denunce) da parte di un migliaio di immigrati, la vendita degli spray al peperoncino continua a crescere a dismisura e a raggiungere livelli senza precedenti. Ad acquistarli sono soprattutto le donne, vittime preferite degli aggressori, ma rimane comunque notevole il numero degli uomini che richiedono questo prodotto.

Aumentano le vendite di spray al peperoncino in Germania

I media tedeschi sottolineano come la domanda di strumenti per la difesa personale sia in continua ascesa negli ultimi mesi, e non sono solo le bombolette dal contenuto di capsaicina ad essere vendute. Pur volendo escludere una stretta correlazione tra questa tendenza e l’emergenza immigrazione, non si può comunque sottovalutare il fatto che da quando in Germania è scoppiata la crisi migratoria, cioè dall’agosto 2015, il volume delle vendite è aumentato del 600%. A confermarlo ci pensa direttamente Ingo Meinhard -  presidente dell’Associazione nazionale Tedesca dei rivenditori d’armi – il quale ricorda come la distribuzione di spray urticanti legali non interessa solamente le principali città tedesche, come Berlino, Monaco, Amburgo, Francoforte ecc, ma tutto il territorio tedesco.

Cresce dunque la propensione all’autodifesa dei cittadini, non solo quelli tedeschi, anche di fronte all’incapacità delle forze dell’ordine di garantire la sicurezza e l’ordine pubblico e di gestire situazioni incresciose come quelle avvenute nella tranquilla e civile città di Colonia nella notte di Capodanno. È doveroso altresì evidenziare che non sempre è corretto associare le minacce di aggressione esclusivamente alla figura del migrante, ma è utile ricordare che il pericolo può provenire da qualsiasi individuo, magari proprio il vicino di casa di cui non avremmo mai il benché minimo sospetto.

Commenti (0)
Spray al peperoncino Palm Defender: scegli il tuo colore preferito!

La vasta gamma di spray urticanti legali di sprayantiaggressione.it si arricchisce di un’ulteriore novità: sono infatti disponibili sul sito le versioni colorate del Palm Defender, lo spray compatto pensato per la tua difesa da persone e animali e prodotto dalla ASP, azienda leader mondiale nel settore. Un articolo molto richiesto sul mercato, perché semplice da usare e facilmente trasportabile, e perché riesce a coniugare funzionalità e praticità.

Si tratta infatti di uno spray a getto conico, molto leggero (pesa appena 52 grammi), ma estremamente efficace, grazie a una gittata che raggiunge i 2 metri di distanza e a un contenuto di 3,3 ml. E, aspetto che abbiamo sempre il dovere di sottolineare, si tratta soprattutto di un prodotto assolutamente legale, in quanto conforme al decreto ministeriale 12 maggio 2011, n. 103.

Da oggi, la linea Palm Defender di sprayantiaggressione.it si arricchisce di nuove colorazioni che conferiscono al prodotto una maggiore qualità estetica. Oltre alle tradizionali versioni nera e silver, infatti, è possibile scegliere all’interno di questo negozio online anche le versioni blu, rosa, rosso e viola: insomma, ce n’è per tutti i gusti!

  Palm defender versione blu  palm defender versione rosa Palm defender versione rosso Palm defender versione viola

Palm Defender è lo spray di difesa personale che, grazie al suo nuovo restyling, diventa ancora più trasversale e quindi adatto sia per l’uomo che per la donna. Ricordiamo, inoltre, che la confezione acquistabile dal sito è comprensiva di ricarica OC al peperoncino, già inserita nel dispositivo, e di anello portachiavi, per avere lo spray sempre a portata di mano. Acquistarlo in questo periodo poi conviene, perché è previsto uno sconto vantaggioso del 13% sul prezzo di listino.

Per qualsiasi informazione e per conoscere tutti i dettagli tecnici di ASP Palm Defender è sufficiente navigare all’interno di questo sito, dove potrai conoscere nuove offerte e tanti altri prodotti che sprayantiaggressione.it, il negozio online per la tua difesa personale 100% italiano, mette a disposizione dei suoi clienti.

Commenti (0)
Viaggiare in aereo con lo spray al peperoncino: si può?

Oggi più che mai la difesa personale rappresenta una tematica di estrema importanza e soprattutto di strettissima attualità. I tragici eventi di Parigi, che stanno sconvolgendo non solo la Francia ma anche l’intera società civile mondiale, danno ulteriore conferma di come viviamo ormai in un clima di totale insicurezza e di inquietudine. Ed è proprio vivendo queste difficili situazioni che accresce l’esigenza di tutelare la propria persona, rimanendo ben distanti dal seguire gli esempi di chi semina gratuitamente morte e terrore con brutalità inaudita.

Non è un caso se oggi gli spray urticanti legali stanno conoscendo una rapida diffusione nella nostra società; e anche se un siffatto prodotto non può essere considerato alla stregua di un’arma da fuoco, sarebbe vietato dalla legge, non si può non convergere sul fatto che si tratta pur sempre di uno strumento efficace per la difesa personale, tant’è che chi lo acquista lo tiene sempre a portata di mano anche quando ci si allontana da casa per raggiungere altre destinazioni.  

A tal proposito, dobbiamo segnalare che tra i dubbi più avanzati da parte di chi acquista una bomboletta spray, vi è quello legato ai viaggi in aereo. In sostanza ci si chiede: è possibile viaggiare in aereo con il mio spray al peperoncino? Una domanda assolutamente fondata che merita una risposta concreta, soprattutto alla luce degli ultimi avvenimenti di cronaca internazionale. Anzitutto, possiamo affermare con certezza che la possibilità di salire a bordo di un aereo con una bomboletta dipende molto spesso dalla politica adottata da ogni singola compagnia aerea. Esistono infatti vettori che lo consentono, altri invece in nessun modo. Il primo consiglio utile è quello di contattare la compagnia con la quale abbiamo deciso di viaggiare per porre tutte le domande del caso, oppure consultare il suo sito per leggere le condizioni contrattuali del volo.

Possibilità di viaggiare in aereo con lo spray al peperoncino

Ma a fugare ogni dubbio in merito alla questione ci pensa l’ENAC – l’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile – la cui funzione è quella di regolamentare tutte le attività di trasporto aereo in Italia. Tale ente, fermo restando la legalità del prodotto, lo inserisce nella categoria di quelli di natura debilitante, capace cioè di provocare disagi alla persona seppur non permanenti.

In sostanza, uno spray avrebbe tutte le potenzialità di disabilitare un individuo rendendolo inerme e di conseguenza facilmente attaccabile. Da qui l’obbligo di imbarcare lo spray di difesa personale solo nel bagaglio registrato, destinato cioè a viaggiare in stiva. È doveroso sottolineare, infine, che le recenti questioni sollevate a seguito degli ultimi avvenimenti legati ad atti terroristici, potrebbero cambiare gli scenari normativi sulla sicurezza aerea e non solo.

 

Alessandro Farucci

 

 

Ecco come uno spray al peperoncino può salvarti la vita

Dell’efficacia e dell’utilità degli spray urticanti legali ne abbiamo già ampiamente discusso all’interno del blog di questo sito e continueremo senz’altro a farlo negli articoli successivi. Ma come spesso accade in ambito commerciale, in taluni casi delle reali potenzialità di un prodotto veniamo a conoscenza se non attraverso testimonianze dirette di persone che ne hanno constatato e apprezzato le sue caratteristiche. A sostegno della tesi che considera gli spray uno strumento qualificato a difesa della propria incolumità fisica, ci sono innumerevoli fatti di cronaca che raccontano di persone sfuggite a violente aggressioni proprio grazie ad esso.

Negli Stati Uniti, ad esempio, dove i casi di violenza sono all’ordine del giorno, un siffatto prodotto ha scongiurato conseguenze drastiche in più di un’occasione. Ma anche in Italia negli ultimi anni si sono verificati episodi simili il cui epilogo avrebbe potuto avere risvolti drammatici, a dimostrazione di come anche l’esistenza nella nostra società sia diventata pericolosa e intricata. E a dimostrazione di come anche in Italia un prodotto simile può realmente salvarti la vita, in questo articolo vogliamo soffermarci su alcuni fatti di cronaca incentrati su vicende di persone scampate miracolosamente a brutali aggressioni proprio grazie a uno spray al peperoncino.

La funzione salva vita dello spray peperoncino

E’ il caso di parlare, ad esempio, di un episodio avvenuto nell’aprile del 2012 a Latina e in particolare di una donna vittima di atti persecutori da parte del suo ex compagno, riportato dal quotidiano online Latinatoday.it. Dopo una serie infinita di pedinamenti, appostamenti e telefonate anonime, una bella mattina l’uomo decide di passare dalle parole ai fatti, aggredendo la donna in pieno centro e provocandole un trauma cranico con svariate lesioni. Il peggio è stato evitato grazie alla caparbietà della vittima, abile non solo ad estrarre rapidamente dalla propria borsa una bomboletta al peperoncino e a colpire il suo aggressore, ma anche a chiamare tempestivamente i carabinieri che hanno subito arrestato l’uomo.

Tuttavia, uno strumento di tale efficacia non è idoneo a proteggere solo la vita delle donne, ma anche quella degli uomini. La versione online de Il Giorno ha riportato proprio nei giorni scorsi una vicenda di violenza avvenuta su un treno nei pressi di Mortara (Padova) in cui a essere in pericolo questa volta è un capotreno. In sostanza, l’uomo viene aggredito su un vagone da quattro extracomunitari per il solo fatto di aver chiesto il biglietto e aver pregato loro di smettere di fumare. Ciò che ne scaturisce è prima un inseguimento all’interno dei vagoni e poi una forte colluttazione nella quale il malcapitato ha avuto la peggio. Ciò non gli ha comunque impedito di tirare fuori la bomboletta e mettere ko i quattro extracomunitari, che sono stati poi arrestati alla stazione di Mortara.

Abbiamo scelto di riportare questi fatti di cronaca per evidenziare quanto sia facile trovarsi in situazioni inaspettate di estrema pericolosità e di come uno spray di difesa personale portato sempre con sé possa realmente essere determinante e salvifico nei casi in cui la nostra vita venga seriamente messa a repentaglio. 

 

Alessandro Farucci