€ 4,90 costo fisso di trasporto
Consegna gratuita per ordini a partire da € 79,90
Richiedi aiuto Hai bisogno di aiuto?
Cerca
Filtri
RSS

I post taggati con "spray al peperoncino"

Blog Spray antiaggressione
Spray al peperoncino: continua la vendita illegale in Italia e in Europa

Il fenomeno della vendita di spray peperoncino illegali continua, purtroppo, a rappresentare una seria minaccia non solo per la salute del consumatore finale, che molto spesso è inconsapevole della pericolosità dell’oggetto acquistato, ma anche per chi, come Sprayantiaggressione.it, propone sul mercato solo prodotti di qualità e conformi ai requisiti tecnici previsti dalle normative vigenti.

La cronaca dei giorni nostri continua a mettere in primo piano questo fenomeno criminoso, perpetrato all’interno dei nostri confini così come all’estero, soprattutto laddove non esiste una legislazione ben definita a riguardo.

Prendiamo alcuni fatti di cronaca a testimonianza di quanto denunciato in questo articolo, e partiamo proprio da una nostra città, Milano, dove la Polmetro ha scoperto alcuni mesi fa un vero e proprio emporio di bombolette OC illegali, oltre a una serie di taser trasformati in torce. La scoperta, avvenuta casualmente per sedare una rissa, ha portato al sequestro immediato di 44 spray non conformi alla legge, e 50 taser-torcia. L’aspetto curioso, è che il negozio figurava come un Phonecenter gestito da un cinese (ora indagato per commercio illegale) e dunque assolutamente insospettabile (fonte: milanotoday.it).

 

sequestro spray peperoncino illegali

 

Una altro fatto che vi andiamo a raccontare, è invece di alcuni giorni fa ma questa volta al di fuori del nostro territorio nazionale, esattamente in Grecia, dove la polizia doganale ha arrestato due giovani della Repubblica di San Marino con l’accusa di contrabbando di circa 150 spray illegali, la cui destinazione rimane ancora molto dubbia. La merce sequestrata sarebbe stata acquistata in Turchia, un Paese dove la vendita di questo prodotto è libera e quindi non adeguatamente controllata (fonte: RTv San Marino).

Quanto raccontato dimostra come il rischio di affidarsi a venditori non autorizzati e di indubbia attendibilità possa realmente portare con sé conseguenze pesanti in termini di salute pubblica e di responsabilità all’interno della società civile, perché la detenzione di uno spray antiaggressione non conforme al D.M. 103/2011 è paragonabile a quella di un’arma illegale, configurandosi come un vero e proprio reato di natura penale.

Legittima difesa: sempre più italiani scelgono lo spray peperoncino

Mai come in questi giorni il dibattito imperniato sul tema del diritto di difesa dei cittadini sta assumendo così tanta centralità in ambito politico e nell’opinione pubblica nazionale. Il Legislatore italiano si è deciso finalmente a discutere un disegno di legge sulla legittima difesa, sollevando non poche polemiche e perplessità dopo l’approvazione del testo alla Camera nei giorni scorsi. In attesa di conoscere quali saranno gli sviluppi parlamentari rimane un unico quesito da porsi: meglio una pistola o uno spray peperoncino?

Certo è che si rafforza giorno dopo giorno l’esigenza di sicurezza da parte degli italiani, alla ricerca costante di strumenti idonei ed efficaci per la propria autotutela. A testimoniarlo è la tendenza degli ultimi tempi a richiedere la dotazione di armi come pistole e fucili da caccia, una via che rimane comunque difficilmente percorribile.

Avere in casa un’arma da fuoco, infatti, implica prima di tutto notevoli vincoli burocratici finalizzati al conseguimento del porto d’armi (pensiamo alle prove al poligono, non proprio alla portata di tutte le fasce d’età) nonché un forte senso di responsabilità sociale.

 

Lo spray peperoncino strumento legale di legittima difesa

 

Ovviamente, la conclusione dell’iter legislativo della legge sulla legittima difesa potrebbe definire nuovi scenari che i cittadini attendono di conoscere. Per questo, alla luce di quanto detto finora, è giusto ribadire che il ricorso a strumenti legali di difesa personale come gli spray urticanti, la cui dotazione non implica alcun vincolo autorizzativo se non la rispondenza ai parametri tecnici stabiliti dalle disposizioni di legge, sia in continuo aumento.

Uno strumento che talvolta richiede un’adeguata preparazione di utilizzo, ma che è sinonimo di garanzia ed efficacia in casi di aggressione personale. Sono sempre all’ordine del giorno i fatti di cronaca che raccontano tentativi di violenze, furti e aggressioni scongiurate grazie allo spray antiaggressione: come il caso di una barista di Trieste aggredita da due malviventi subito fermati dalla Polizia grazie all’utilizzo della bomboletta a base di OC in dotazione (fonte: ilgazzettino.it), o quello di un gioielliere di Marcallo Con Casone (Milano), bravo a bloccare l’aggressore che aveva tentato di portare via l’intero incasso (fonte: milano.corriere.it).

Spray al peperoncino illegali: la GdF chiude un e-commerce in Italia

Mettere a disposizione dei cittadini strumenti di autodifesa efficaci e idonei ad esaudire ogni tipo di richiesta in ottemperanza alle disposizioni di legge in materia di difesa personale, è da sempre il leitmotiv che contraddistingue la linea commerciale di Sprayantiaggressione.it. Ma evidentemente in Italia c’è chi ignora gravemente questo principio, non calcolando il rischio di determinare pesanti conseguenze sul piano sociale. Fortunatamente c’è chi in Italia, invece,  lavora quotidianamente a tutela della sicurezza pubblica nelle nostre città come sul web. Un esempio è la GdF, che nei giorni scorsi ha chiuso i battenti di un e-commerce specializzato nella vendita di armi improprie.

Prende il nome di ARES l’operazione del Comando Unità Speciale della GdF che ha portato alla scoperta e alla chiusura di questo sito web, dopo un’indagine durata un anno e coordinata dal Procuratore Capo di Viterbo Dott. Paolo Auriemma. Un’indagine con la quale è stato possibile seguire in maniera scrupolosa alcuni siti che pubblicizzano la vendita di armi online.

 

GdF sequestra e-commerce illegale spray peperoncino

 

E quello scoperto dai militari del Nucleo Speciale Frodi Tecnologiche è un vero e proprio arsenale di guerra: 6000 armi bianche, tra cui 600 Taser (con scariche elettriche fino a 10.000.000 Volt), 100 manganelli con matricola abrasa, 2000 cartucce calibro 9 e, appunto, 400 spray urticanti in dotazione alle forze di polizia americane. Insomma, è lecito chiedersi come questo sito sia riuscito a fornirsi di articoli di questa entità. Oltre al sequestro, i finanzieri hanno emesso un decreto di perquisizione nei confronti di un uomo cinquantenne di Viterbo.

Un e-commerce capace anche di curare in maniera meticolosa l’aspetto comunicativo: le Fiamme Gialle, infatti, hanno scoperto sul web la presenza di tra canali You Tube sui quali alcuni minorenni non solo si vantavano degli acquisti fatti dal sito, ma garantivano anche sull’affidabilità dello stesso. In sostanza, come sottolinea la GdF, la vendita dei prodotti illegali on-line può essere considerata una vera e propria piaga sociale, e per il volume di affari in grado di generare, e per la facilità per i minori di accedervi ed effettuare acquisti.

Sprayantiaggressione.it, l’e-commerce italiano specializzato nella vendita di spray peperoncino conformi al D.M. 103/2011, evidenzia da sempre l’importanza di affidarsi esclusivamente a venditori affidabili, non solo per la qualità dei prodotti offerti ma anche per non incorrere nel rischio di commettere violazioni di carattere penale.

 

L’appello delle vigilesse di Milano: “Muniteci di spray al peperoncino”

La Festa della Donna è passata da alcuni giorni e numerose sono state le manifestazioni per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza della tutela dei diritti femminili. Una questione che riguarda trasversalmente tutto il mondo femminile, a prescindere dalla posizione sociale, e che in Italia suscita l’interesse anche di chi è chiamato a garantire la sicurezza nelle nostre città. Per questo motivo le vigilesse di Milano, in occasione dell’8 Marzo, anziché accettare la classica mimosa hanno preferito chiedere in cambio qualcosa di concreto per la propria salvaguardia: gli spray al peperoncino.

 Le vigilesse meneghine formano quasi la metà dell’intero corpo di polizia locale e il loro contributo per la città è molto importante; tuttavia, non si sentono adeguatamente tutelate quando svolgono il proprio servizio a causa della mancanza di strumenti idonei ad operare nella maniera più efficiente possibile. Per questo il Sulpm – il Sindacato Unitario Lavoratori Polizia Municipale – pretende che l’amministrazione comunale fornisca le proprie iscritte di bombolette a base di oleoresin capsicum, alla stregua di quanto già avviene in altre città italiane ed europee.

Spray al peperoncino vigilesse di Milano

Come ben sappiamo, questo è uno strumento di autodifesa assolutamente valido, valutato dagli stessi addetti ai lavori più sicuro e decisamente più efficace dei tradizionali manganelli: il motivo è semplice, perché il suo utilizzo non comporta alcun contatto fisico e, soprattutto, nessun danno permanente alle persone. La conferma arriva dai tanti comuni italiani che hanno deciso di munire i propri vigili di questo prodotto, grazie al quale sono state risolte tante situazioni di violenza urbana senza drastiche conseguenze.

 Ma per le vigilesse di Milano, purtroppo, le richieste avanzate sembrano destinate a non essere esaudite per meri motivi ideologici: in sostanza, l’amministrazione comunale considera lo spray urticante uno strumento di offesa piuttosto che di tutela, nonostante i 180 infortuni registrati ogni anno a seguito di colluttazioni tra operatori e aggressori. Per queste ragioni il sindacato Sulpm, in occasione della festa della donna, anziché le simboliche mimose ha preferito regalare alle sue iscritte una bomboletta di autodifesa a proprie spese.

Spray urticante legale, è ufficiale la dotazione alle forze della Polizia di Stato

Finalmente da quest’anno le forze di Polizia di Stato possono disporre di un ulteriore strumento in grado di assicurare un migliore espletamento del servizio di ordine pubblico e di difesa dei cittadini: lo spray al peperoncino legale. Certamente, non si tratta di una novità assoluta, visto che la notizia era stata già ampiamente anticipata dal Sindacato di Polizia Silp-Cgil qualche mese fa, allorquando era stata preannunciata la necessità di dotare i nostri poliziotti delle bombolette a base di Oleoresin Capsicum entro la fine dello scorso anno e per il prossimo triennio; ma quello che va sottolineato è che da oggi il lavoro degli agenti di polizia potrebbe diventare indubbiamente più agevole.

Da nord a sud, gli spray sono entrati a far parte ufficialmente dell’equipaggiamento della Polizia di Stato: Rovigo, Brescia, Bologna, Perugia, Avellino, Cagliari, Trapani ecc, sono solo alcune delle città che negli ultimi giorni hanno visto i poliziotti dotarsi di questo prodotto. Un cambiamento importante che, ovviamente, non poteva risparmiare anche la Capitale, alle prese con i problemi sicurezza come tutte le più importanti città del nostro Paese.

 

Spray Polizia di Stato

 

E non c’è stato nemmeno il tempo di munirsi degli spray, che già i poliziotti capitolini sono stati costretti a farne ricorso. È successo qualche giorno fa nel rione Monti dove un cittadino russo, completamente ubriaco, ha aggredito alcuni agenti con calci e pugni a seguito di un tentativo di mediazione non andato a buon fine. L’arresto è stato possibile solo grazie all’utilizzo dello spray, da pochi giorni in dotazione ai Commissariati di Polizia di Roma e Provincia.

Sembrerebbe banale da ricordare, ma quello assegnato alla Polizia è uno spray al peperoncino assolutamente legale, ovvero in grado di non provocare effetti irreparabili sugli aggressori, come quelli che sprayantiaggressione.it propone ai suoi visitatori. Altro aspetto rilevante, è che il loro utilizzo è previsto esclusivamente nel caso in cui sia fallita, od oggettivamente non attuabile, una negoziazione o dissuasione verbale nei confronti del malintenzionato: una regola aurea che sono chiamati a tenere bene a mente anche i semplici cittadini quando decidono di acquistare questo prodotto di autodifesa. 

Alessandro Farucci

Spray peperoncino in discoteca: una moda tanto insensata quanto pericolosa

Recentemente in Italia e non solo si sta diffondendo, in particolar modo tra i giovani, una moda che definire scriteriata sarebbe a dir poco riduttivo: spruzzare lo spray al peperoncino in luoghi di divertimento affollati, come locali e discoteche. Un fenomeno che si ripete negli ultimi anni con una frequenza allarmante, in grado di contagiare un numero sempre più cospicuo di persone proprio come accade con un video virale messo in circolazione sul web. Il punto, purtroppo, è che chi commette una simile idiozia forse non è consapevole delle serie conseguenze che ne potrebbero derivare.

Sprayantiaggressione.it ha più volte sottolineato i vantaggi di uno spray a base di oleoresin capsicum legale, un prodotto pensato per la difesa personale e considerato di forte interesse sociale per la sua funzionalità e la sua utilità. Un prodotto di cui si stanno dotando, non a caso, gli stessi organi di polizia, chiamati a garantire l’ordine pubblico quotidianamente mettendo a rischio la propria vita.

 

L'uso sconsiderato di spray al peperoncino in discoteca

 

Tuttavia, c’è chi malauguratamente acquista questo prodotto per scopi che vanno al di là della propria salvaguardia, e sembra davvero difficile accettare che questo venga fatto senza la giusta consapevolezza. Quella di nebulizzare con una bomboletta del peperoncino piccante in un ambiente chiuso sta diventando purtroppo una prassi consolidata, segno di una società civile sempre più alla deriva e di una nuova generazione incapace di migliorarla. Sono diversi i casi di cronaca in tutta la penisola che raccontano episodi che vedono protagonisti giovani ragazzi, convinti di rendere una serata in discoteca ancora più divertente spargendo un pò di peperoncino di cayenna in pista tra la folla.

E nel mettere in atto questa stupida moda che si perde poi la cognizione delle conseguenze che ne conseguirebbero. Conosciamo perfettamente gli effetti di uno spray urticante al peperoncino e le sue qualità nel rendere inerme l’aggressore, con disagi fisici temporanei e per fortuna non irreparabili come occhi irritati, forte lacrimazione e tosse persistente,. Ma questo non è il solo fattore determinante in grado di creare una situazione di pericolosità, perché il problema principale scaturisce proprio dagli effetti del suo utilizzo: il rischio più alto che si corre, infatti, è quello di creare vere e proprie calche umane e quindi di attentare seriamente alla vita delle persone durante la fase di evacuazione dai locali.

Il tuo regalo di Natale? Trovalo tra le nostre “Offerte Speciali” di spray al peperoncino

Se per questo Natale non sai ancora che regali fare non fartene un problema, perché a schiarirti le idee ci pensa Sprayantiaggressione.it, l’e-commerce tutto italiano di spray peperoncino, che coglie l’occasione delle festività per proporre ai suoi visitatori offerte davvero convenienti ed imperdibili nella sua apposita sezione “Offerte Speciali”. Una vetrina pensata per essere sempre più vicino alle esigenza della clientela, dove scoprire proposte molto interessanti a prezzi competitivi, con sconti super convenienti su alcuni prodotti della sua intera gamma spray: in atri termini, offerte che non troverai da nessun altra parte.

Per questo Sprayantiaggressione.it ha voluto fare un regalo ai suoi visitatori, ampliando ulteriormente la sua offerta con due proposte a cui è difficile rinunciare. Partiamo dalla prima, e cioè dal Kit natalizio di spray al peperoncino ASP Palm Defender x 4 multicolor, ovvero la versione più compatta della linea Defender prodotta dalla Asp, leggera ma comunque resistente perché costruita in alluminio aerospaziale.

                        Kit natalizio spray peperoncino ASP Palm Defender X 4 multicolor                        Kit natalizio spray peperoncino ASP Palm Defender Rosso X 3

 

Un prodotto altamente efficace, sicuro e facile da trasportare anche grazie al portachiavi annesso. Il kit comprende quattro bombolette nella versione rossa, viola, blu e rosa con relativi anelli portachiavi e ricariche OC al peperoncino già inserite nei dispositivi, acquistabile usufruendo di un super sconto del 29%.

Se invece il tuo unico colore preferito è il rosso, in alternativa a questa strepitosa offerta Sprayantiaggressione.it ne propone un’altra altrettanto formidabile: il Kit natalizio Spray al peperoncino Asp Palm Defender Rosso x 3, un prodotto che differisce da quello precedente solo nel colore, nella quantità e nella scontistica: ben il 16%. Consultando la sezione “Offerte Speciali”, inoltre, potrai conoscere tutto di questi articoli, dalle caratteristiche tecniche alle corrette modalità di utilizzo.

A Natale dunque non fare il solito banale e scontato regalo: regala un pratico e utilissimo spray urticante legale, pensa alla sicurezza dei tuoi cari!

 

Le “Offerte Speciali” di sprayantiaggressione.it: difesa personale a prezzi vantaggiosi

Garantire una difesa personale efficace ma con un occhio al portafoglio della clientela. È questa la linea che Sprayantiaggressione.it, il negozio online 100% italiano di spray peperoncino, ha sempre voluto seguire con fermezza e convinzione. L’esigenza di difendersi dai pericoli derivanti dalla società odierna in maniera del tutto legale e determinata, infatti, è da sempre il leitmotiv dell’attività commerciale di questo e-commerce, che propone solo prodotti dei migliori brand del settore, sicuri e a norma di legge, a prezzi decisamente sostenibili.

Un filo conduttore che da oggi diventa ancora più importante per Sprayantiaggressione.it, che ha voluto avvicinarsi ulteriormente alle richieste dei suoi visitatori con una sensazionale novità: la sezione “OFFERTE SPECIALI”, l’angolo delle occasioni da cogliere al volo! Stiamo parlando di uno spazio molto singolare, perché interamente dedicato all’offerta di alcuni articoli del vasto assortimento di spray di questo negozio, a prezzi vantaggiosissimi.

 

Le imperdibili offerte speciali di sprayantiaggressione.it

 

Una sezione all’interno della quale è possibile trovare proposte commerciali appetibili e con scontistiche esclusive, come quella disponibile in questo periodo ad esempio, ovvero il KIT RISPARMIO SPRAY AL PEPERONCINO DIVA TOP X 3. Diva Top è la soluzione più potente di questa linea proposta dalla Defence System, perché trattasi di uno spray dal potere urticante di 2.000.000 Scoville e con una gittata di 3 metri, e quindi assolutamente affidabile. La sua compattezza, inoltre, lo rende molto maneggevole e facilmente trasportabile, e questo anche grazie al ciondolo portachiavi in metallo di cui è dotato. Tutte caratteristiche che lo rendono differente dal suo gemello Diva Base, simile ma solo nell’apparenza. Sprayantiaggressione.it ha pensato a un kit risparmio formato famiglia, composto da 3 spray nelle versioni Classic, Pink e Camo Mimetico. Una proposta, insomma, molto utile sulla quale viene applicato uno sconto del 27% sul prezzo di listino.

Quella di ”Offerte Speciali” è una vetrina interessante che consente a chi ha la necessità di acquistare uno spray urticante al peperoncino di fare dei veri e propri affari. Sprayantiaggressione.it sarà pronta a stupirti con tante altre proposte irripetibili e per questo ti invita a visitare spesso il suo sito per scoprire insieme quali altre offerte ha riservato ai suoi visitatori. 

Spray legale al peperoncino: un prodotto sempre più utile e trasversale

Quanto sia importante la sicurezza nella società civile lo sappiamo molto bene, soprattutto alla luce di ciò che accade quotidianamente nelle nostre città. Sono sempre più numerose, infatti, le vicende di cronaca che raccontano di furti e violenze subite anche all’interno delle proprie abitazioni, con conseguenze talvolta drammatiche. Cresce l’esigenza di autotutela da parte dei cittadini in misura quasi proporzionale alla vendita di strumenti atti alla difesa personale. La richiesta in aumento di spray legali al peperoncino non solo in Italia, sta a dimostrare proprio questo aspetto rilevante. Ma siccome l’attività del cronista annovera anche fatti dal finale meno drammatico, è giusto anche evidenziarne alcuni in cui una semplice bomboletta dal contenuto di capsaicina sia stata determinante per scrivere epiloghi diversi. 

Un esempio concreto ce lo fornisce il portale d’informazione Quotidianopiemontese.it. Lo scorso 8 febbraio, a Torino, sulla linea 4 del  tram della società GGT, tre giovani hanno aggredito un controllore solo per aver ricordato loro di obliterare il biglietto prima che i bigliettai se ne accorgessero. Ebbene, dopo il rituale degli insulti, i tre sono passati direttamente alle mani, e solo l’intervento di una donna presente sul mezzo ha scongiurato guai seri, proprio grazie allo spray di cui era dotata.

Spray al peperoncino in dotazione alle forze dell'ordine

Facendo un salto indietro nel tempo di quattro anni, un’altra vicenda, riportata dal quotidiano online Foggiatoday.it.  Ad essere protagoniste questa volta due vigilesse della città di Foggia che, il giorno 11 aprile 2012, tentarono di sedare una rissa tra donne in Piazzale Vittorio Veneto. Nell’intento di riportare la calma, una delle due agenti ebbe la peggio, malmenata e aggredita da una donna, probabilmente dell’est, coinvolta nel tafferuglio. L’intervento tempestivo della sua collega impedì alla situazione di precipitare, sempre grazie allo spray urticante al peperoncino usato nei confronti della donna, in seguito denunciata per oltraggio a pubblico ufficiale.

Le due vicende di cronaca menzionate sottolineano ancora una volta l’utilità di uno spray per la difesa personale, non solo per i comuni cittadini, che spesse volte si trovano costretti a provvedere da soli a difendere la propria incolumità, ma anche per le forze dell’ordine, le quali oggi più che mai ricorrono a questo prodotto per svolgere il proprio lavoro, nonostante l’arma di ordinanza in dotazione.

 

Alessandro Farucci

 

Germania, è boom di vendite degli spray al peperoncino legali

I recenti sviluppi legati al fenomeno dell’immigrazione in Europa, fanno sì che il tema della sicurezza assumesse una centralità considerevole nei piani e nei programmi dei governi. La messa in discussione dello stesso Trattato di Schengen, uno dei pilastri della democrazia e della libertà europea, la dice lunga su quelle che sono le perplessità e le preoccupazioni dei Paesi Ue. Indipendentemente dalle decisioni politiche che verranno adottate, c’è da sottolineare la costante preoccupazione dei cittadini, che avvertono sempre più la necessità di tutelare la propria persona e, soprattutto, l’inadeguatezza dei meccanismi di sicurezza messi in atto dalle autorità.

Ne sa qualcosa la Germania dove, all’indomani dei fatti accaduti a Colonia nella notte di San Silvestro con le molestie sessuali subite da oltre 500 donne (stando alle denunce) da parte di un migliaio di immigrati, la vendita degli spray al peperoncino continua a crescere a dismisura e a raggiungere livelli senza precedenti. Ad acquistarli sono soprattutto le donne, vittime preferite degli aggressori, ma rimane comunque notevole il numero degli uomini che richiedono questo prodotto.

Aumentano le vendite di spray al peperoncino in Germania

I media tedeschi sottolineano come la domanda di strumenti per la difesa personale sia in continua ascesa negli ultimi mesi, e non sono solo le bombolette dal contenuto di capsaicina ad essere vendute. Pur volendo escludere una stretta correlazione tra questa tendenza e l’emergenza immigrazione, non si può comunque sottovalutare il fatto che da quando in Germania è scoppiata la crisi migratoria, cioè dall’agosto 2015, il volume delle vendite è aumentato del 600%. A confermarlo ci pensa direttamente Ingo Meinhard -  presidente dell’Associazione nazionale Tedesca dei rivenditori d’armi – il quale ricorda come la distribuzione di spray urticanti legali non interessa solamente le principali città tedesche, come Berlino, Monaco, Amburgo, Francoforte ecc, ma tutto il territorio tedesco.

Cresce dunque la propensione all’autodifesa dei cittadini, non solo quelli tedeschi, anche di fronte all’incapacità delle forze dell’ordine di garantire la sicurezza e l’ordine pubblico e di gestire situazioni incresciose come quelle avvenute nella tranquilla e civile città di Colonia nella notte di Capodanno. È doveroso altresì evidenziare che non sempre è corretto associare le minacce di aggressione esclusivamente alla figura del migrante, ma è utile ricordare che il pericolo può provenire da qualsiasi individuo, magari proprio il vicino di casa di cui non avremmo mai il benché minimo sospetto.