Benvenuto su Spray Antiaggressione!
€ 4,90 costo fisso di trasporto
Consegna gratuita per ordini a partire da € 79,90
Richiedi aiuto Hai bisogno di aiuto?
x
Scegli come possiamo aiutarti
telefono

Al telefono

Contattaci telefonicamente al numero 080 885 33 00 e un nostro operatore ti aiuterà nei tuoi acquisti o ti fornirà le informazioni di cui necessiti.
email

Via email

Inviaci una email all'indirizzo info@sprayantiaggressione.it. Un nostro operatore ti risponderà alle tue richieste nel più breve tempo possibile.
whatsapp

Su WhatsApp

Scrivici sulla chat di WhatsApp al numero 377 206 90 92 e un nostro operatore sarà in livechat con te per fornirti tutte le informazioni di cui necessiti.
i Gli ordini effettuati dal giorno 10 AGOSTO al 20 AGOSTO saranno evasi il 21 AGOSTO
Cerca
Filtri

Spray peperoncino, per la Cassazione non è reato portarlo con sé

Portare con sé in pubblico una bomboletta spray peperoncino non si configura come reato previsto dall’art. 4 L. 895/1967, ovvero disposizioni per il controllo delle armi: è quanto stabilito dalla Corte di Cassazione, I Sez. Penale, con la sentenza n. 8624/2018. Secondo il Tribunale Supremo, infatti, una bomboletta a base di OC non può considerarsi né un’arma da guerra, né un’arma chimica, ma va invece considerata una comune arma da sparo per il cui porto non è ammessa la licenza ai sensi dell’art. 699 del c.p.

 

La decisione è arrivata in risposta al ricorso del P.M. contro la sentenza che aveva assolto un uomo imputato proprio del reato ex art. 4 della legge 895/67, il quale aveva portato con sé in luogo pubblico una bomboletta spray al peperoncino non conforme a quanto previsto dal D.M 103/2011, contenente una soluzione irritante a base di OC di 40 ml e con gittata di 5 metri.

 

Cassazione non considera spray peperoncino un'arma da guerra

 

Ed è stata proprio questa inosservanza tecnica a determinare un diverso orientamento giurisprudenziale dei giudici della Cassazione. Il porto della bomboletta è stato ritenuto antigiuridico in quanto non ha rispettato le caratteristiche richieste, ma è stata applicata la fattispecie residuale contravvenzionale di cui all’art. 699 del Codice Penale e non il delitto previsto dall’art. 4 della L. 895/67.

 

Insomma, se da un lato lo spray urticante al peperoncino non può considerarsi un’arma comune da sparo o da guerra per mancanza di caratteristiche in grado di arrecare grave offesa alla persona (nella fattispecie aggressivi chimici, radioattivi o biologici), dall’altro una bomboletta che non rispetta i parametri di legge è potenzialmente lesiva, e pertanto la sua detenzione è perseguibile dal punto di vista penale.

 

Ricordiamo, infatti, che gli spray di difesa personale devono contenere il principio attivo di Oleoresin Capsicum non superiore al 10% con una miscela non superiore i 20 ml, avere una gittata che non superi i 3 metri e, soprattutto, non contenere sostanza tossiche, infiammabili e nocive.

Lascia un commento